Stampa

Nati per Vivere

Paese: Kenya
Localizzazione: Karungu, una delle otto divisioni del distretto di Migori, sulle rive del lago Vittoria.
Beneficiari: donne in gravidanza sieropositive.

Natura del progetto

Assistenza sanitaria.

 

Il progetto

Il programma National Hospital Insurance Fund in abbinamento al Consultorio pre-natale ed al progetto per la Prevenzione della Trasmissione HIV da mamma-bambino è nato per offrire alla mamme in gestazione la possibilità di un servizio gratuito al consultorio, inclusi visite, esami di laboratorio ed ecografia più una sponsorizzazione di almeno sei mesi per l’assicurazione ospedaliera che copra anche il parto in ospedale. Di solito se l’iscrizione è fatta tre o quattro mesi prima del parto i benefici coprono altri due o tre mesi dopo il parto. Al termine del periodo sponsorizzato è la famiglia che deve continuare a versare i contributi. 
L’importante ricorso gratuito al consultorio durante il periodo di gestazione e la temporanea sponsorizzazione dell’assicurazione rendono possibile, anche a mamme povere, il partorire nella struttura ospedaliera diminuendo così i rischi ad esso connessi. Inoltre, in aggiunta a questi vantaggi, la frequenza regolare al consultorio crea un sereno rapporto con le ostetriche che vi lavorano ad offre la possibilità di una effettiva ed efficace formulazione della proposta di test di HIV. Conseguentemente, nel caso di sieropositività, anche della proposta di inserimento nel progetto Prevenzione Trasmissione HIV mamma-bambino. Non è raro il caso di giovani ragazze madri che ora ricorrano al consultorio mentre prima, per motivi economici, non avrebbero potuto farlo. A loro è rivolta una particolare attenzione perché non solo necessitano del servizio del consultorio ma anche di un delicato e rispettoso accompagnamento socio-formativo.

Il contesto

Il Kenya è classificato tra i 30 Paesi più poveri del mondo. La popolazione è principalmente occupata nell’agricoltura e la percentuale di kenioti che vivono sotto il livello di povertà nazionale è aumentata dal 29% del 1970 al 52% nel 2006. 
La situazione socio-economica è resa ancora più difficile dai problemi di salute legati alla diffusione della malaria, della tubercolosi e, sopratutto dell’HIV-AIDS. 
La provincia keniota in cui e’ localizzato il st. Camillus Mission Hospital e’ quella occidentale del Nyanza, affacciata sul lago Vittoria. I dati sono impressionanti: secondo l’UNAIDS la prevalenza tra gli adulti tra i 15-49 anni è dell’14,9%. Nei distretti della regione l’incidenza cambia in base a molteplici fattori culturali, economici e sociali. In particolare il 70% dei nuovi casi sono tra le comunità di pescatori nei distretti bagnati dal lago Vittoria nel quale la prevalenza accertata del virus è del 39,3%. 
La principale ragione di una così estesa diffusione del virus HIV nella provincia del Nyanza risiede anche nelle credenze e tradizioni culturali Luo, maggioritaria nell’area. L’AIDS sarebbe causata da stregonerie, una credenza che riduce tra i Luo l’efficacia delle campagne di informazione organizzate nel paese sulle modalità di trasmissione del virus e sui rischi ad esso connessi. Ad incidere in misura significativa sulla diffusione del virus dell'HIV è la pratica di ricevere in eredità la vedova da parte del fratello del defunto. Se una donna rifiuta di “farsi ereditare” si espone, secondo le credenze Luo, ad anatemi e perde il diritto di coltivare le terre del marito.

Obiettivi che si pone l'intervento della Fondazione PRO.SA

Intervenendo in questo modo, si vuole garantite alle madri e ai loro bambini un’assistenza medica gratuita. Ridurre il tasso di mortalità infantile e migliorare la salute materna.

Come contribuire

Il contributo annuale per garantire l'assicurazione sanitaria ad una donna sieropositiva è di euro 25,00.