Stampa

Waore Rehabilitation Center

Paese: Kenya
Localizzazione: Villaggio di Katagaya, distretto di Rongo – provincia di Nyanza
Beneficiari: 150 bambini dai quattro ai sette anni

Natura del progetto

Lotta alla malnutrizione

Il progetto

Nel villaggio di Katagaya, nel distretto di Rongo è stato aperto il Waore Rehabilitation Center, per garantire ai bambini del villaggio educazione e alimentazione. Il centro è nato su iniziativa della comunità locale per supplire alla mancanza di strutture educative nella zona e per rispondere alla necessità di accompagnare i bambini in un’importante fase della crescita al fine di farli uscire dalla situazione di povertà in cui si trovano. Il villaggio è tra i più poveri della regione a causa della conformazione del terreno particolarmente rocciosa, che rende difficile la coltivazione dei campi. La popolazione maggiormente occupata nell’agricoltura è quindi frequentemente vittima delle carestie. I beneficiari del progetto sono 150 bambini tra i quattro e i sette anni divisi in classi nelle quali si insegna loro a leggere e scrivere. 

Il centro oltre all’istruzione garantisce anche l’alimentazione dei bambini attraverso la preparazione della colazione, del pranzo e della merenda. L’obiettivo principale è quello di arginare e diminuire lo stato di malnutrizione dei bambini introducendo cibi ad alto contenuto nutrizionale che i bambini, nelle loro famiglie, non hanno la possibilità di avere.

Il contesto

Il Kenya è classificato tra i 30 Paesi più poveri del mondo. Il paese soffre una profonda stagnazione economica causata principalmente dalla dipendenza dalla fluttuazione dei prezzi internazionali, dalla siccità, dalla disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza, dalla diffusione dell’HIV-AIDS e dalla corruzione.

La provincia keniota in cui è localizzato il “Waore Rehabilitation Center” è quella occidentale del Nyanza, affacciata sul lago Vittoria, che presenta il più elevato tasso di prevalenza dell’HIV del Kenya. Il territorio della provincia di Nyanza è soggetto a frequenti casi di carenza alimentare perché il fabbisogno degli abitanti è strettamente legato all’andamento dei raccolti stagionali. In Kenya solo il 23% delle famiglie ha le risorse finanziarie per sfuggire alla povertà estrema e alla fame cronica; il restante 77% oltre ad essere affetto da fame cronica, è il segmento della popolazione maggiormente a rischio nei casi di carenza alimentarie e carestia.

Nella provincia di Nyanza l’elevata densità della popolazione e l’uso di tecniche intensive di coltivazione, ha ridotto col tempo la fertilità dei terreni. La pratica di dividere i terreni tra i figli ha anche ridotto la grandezza degli appezzamenti, diminuendo gli effetti positivi dell’economia di scala. Nella regione il tasso di scolarizzazione dei bambini è sotto la media nazionale. Il 35-40% della popolazione adulta è analfabeta.

Aiutaci anche tu

A combattere la malnutrizione in Kenya